Ekaterina Sadovnikova

Repertorio

Photo Gallery



DIE ZAUBERFLOETE-TEATRO REGIO DI TORINO-APRILE/MAGGIO 2017

“delicata è la figura di Pamina, interpretata da Ekaterina Sadovnikova. Soprano lirico-leggero, la Sadovnikova sfoggia una voce correttamente sostenuta e proiettata, con la quale trasporta la platea in un’atmosfera di grande lirismo a suon di eteree filature, specialmente nell’aria «Ach, ich fühl's, es ist verschwunden».
-Antonino Trotta, L’Ape Musicale, 25 maggio 2017

“L’avvenente Ekaterina Sadovnikova è stata una Pamina di grande fascino vocale e spigliatezza scenica. Del giovane soprano russo abbiamo particolarmente apprezzato la freschezza musicale e la matura sensibilità interpretativa, attenta a cogliere tutte le sfaccettature emotive del personaggio.”
-Lodovico Buscatti, opera click, 27 maggio 2017

DIE ZAUBERFLOETE-TEATRO DELL’OPERA DI FIRENZE-MARZO 2017

“Ekaterina Sadovnikova tratteggia Pamina con delicatezza”.
-La Repubblica, Gregorio Moppi, 24 marzo 2017

“Alla fine successo per tutti e in particolare per i due migliori, i delicati e intensi Tamino e Pamina, Juan Francisco Gatell e Ekaterina Sadovnikova”
-Il Giornale della Musica, Elisabetta Torselli, 23 marzo 2017

IL FLAUTO MAGICO-BASSANO DEL GRAPPA, OTTOBRE 2016

“La Pamina cui dà voce e corpo Ekaterina Sadovnikova si distingue per una certa volitiva caparbietà, più donna che bambina. Padrona di una vocalità di grande freschezza la Sadovnikova affronta e risolve con sensibilità tutte le variegate sfaccettature che il ruolo le offre.”
-Alessandro Cammarano,GBOPERA, 9 ottobre 2016


IL TRITTICO – TEATRO DELL’OPERA DI ROMA – APRILE 2016

“Ekaterina Sadovnikova canta luminosa come Lauretta e come Suor Genovieffa, la migliore del gruppo.”
-Carla Moreni, Il Sole 24 ore, 24 aprile 2016


LES PȆCHEURS DE PERLES –OPERA DI FIRENZE-FEBBRAIO 2016

“Léïla era infatti Ekaterina Sadovnikova, soprano dal timbro assai gradevole, morbido, con agilità più che competenti e dagli acuti sicuri […]”
-Nicola Lischi, GbOPERA, 24 febbraio 2016

“La Leila di Ekaterina Sadovnikova ha voce gradevole e  ottima musicalità che si addicono ai delicati gorgheggi d’usignolo alla fine del primo atto…”
-Francesco Rapaccioni, Teatro.it, 28 febbraio 2016

“[…] la morbida voce della soprano russa Ekaterina Sadovnikova nella parte di Léila – già ascoltata nella parte di Sophie nel Werther messo in scena a gennaio 2015 all'Opera di Roma”
-Livia Bidoli, gothicnetwork.org, 3 marzo 2016

“il soprano Ekaterina Sadovnikova è stata un’applauditissima Léila”
-Roberta Manetti, Firenzepost

IL FLAUTO MAGICO, TEATRO LA FENICE DI VENEZIA -SETTEMBRE OTTOBRE 2015

“Pamina è Ekaterina Sadovnikova, salda prima della classe, con la giusta vena scura”
-Carla Moreni, Il Sole 24 ore, 25 ottobre 2015

“[…]Tamino e Pamino (che in scena sono i musicalissimi Antonio Poli ed Ekaterina Sadovnikova)…”
-Pierachille Dolfini, Avvenire, 22 ottobre 2015

“Significativa la Pamina di Ekaterina Sadovnikova: la sua è una fanciulla patetica ma non lagnosa, sostenuta da una vocalità vellutata, salda e mai monotona, tecnicamente matura e completa.”
-Gilberto Mion, Teatro.it, 22 ottobre 2015

“Ottimo il cast vocale, in particolare la Pamina di Ekaterina Sadovnikova, commovente in Ach, ich, fuhl’s…”
-Mattia L. Palma, Cultweek, 28 ottobre 2015


WERTHER-TEATRO DELL’ OPERA DI ROMA-GENNAIO 2015

“Niente male la Sophie di Ekaterina Sadovnikova. Il soprano russo sembra trovarsi a suo agio nella petulante brillantezza che caratterizza il canto della sorellina minore di Charlotte: le agilità sono affrontate con baldanza, gli acuti un po' vetrosetti contribuiscono a donarle credibilità e la recitazione, giustamente in bilico tra euforia e momenti melanconici, completa positivamente la parte.”
-Michelangelo Pecoraro, operaclick



“Ekaterina Sadovnikova è una giusta e fresca Sophie.”
-Francesco Rapaccioni, teatro.it, 18 gennaio 2015


FALSTAFF – OPERA DI FIRENZE-NOVEMBRE, DICEMBRE 2014

“Eccellente Ekaterina Sadovnikova che ha un timbro  cristallino e una duttilità vocale giuste per disegnare  la freschezza del personaggio.”
-Rossella Rossi,www.stampatoscana.it, 3 dicembre 2014


“Una menzione speciale merita Ekaterina Sadovnikova, ottima e brillante interprete di Nannetta, figlia d'Alice, ruolo che a volte risulta stucchevole e opaco.”
-Massimo Predinieri, www.italiani.net

“[…]fresca ed aggraziata la Nannetta di Ekaterina Sadovnikova”
-Roberta Manetti, www.firenzepost.it, 30 novembre 2014


 

RIGOLETTO-TEATRO DELL’OPERA DI ROMA-OTTOBRE 2014

“A prima impatto sembrerebbe che Rigoletto sia un’opera nera, terribile, sporca e piena di lordure. Ma in fondo, forse è proprio vero il contrario.  Gilda, una splendida e torreggiante Ekaterina Sadovnikova, ne spezza il cupo rossore da fine dell’Impero. Nelle stanze del castello del Duca, la voce spezzata dal pianto di Gilda fa prorompere un universo che è ben distante da quello della corte sadiana del Duca. I gorgheggi, il caro nome, l’entusiasmo innocente di quella voce sottolineano ed esaltano plasticamente un desiderio di purezza del Duca stesso, troppo avvinto dalla sua stessa morbosità che proprio di quella voce si vuole nutrire come di un’ostia per una vita nuova.”
-Leonardo Rossi, giornaledellumbria.it, 31 ottobre 2014



“primeggiano le svettanti voci del tenore Piero Pretti, nel ruolo del Duca di Mantova e del soprano Ekaterina Sadovnikova nel ruolo di Gilda”
-Michele Pintore,cronachenuoresi.com, 27 ottobre 2014

 

ADELAIDE DI BORGOGNA-WILDBAD-LUGLIO 2014

“Auch in dem wunderbaren Duett am Ende des ersten Aktes "Mi dai corona e vita", in dem Ottone und Adelaide ihre gegenseitige Zuneigung bekennen, findet sie mit Ekaterina Sadovnikova in der Titelpartie zu einer Innigkeit, die unter die Haut geht. Da stört es auch keineswegs, dass die Personenregie nicht zu verheimlichen versucht, dass Ottone von einer Frau gesungen wird und Gritskova optisch abgesehen von ihrer Uniform nicht sehr maskulin dargestellt wird. In Ottones Schlussarie "Vieni: tuo sposo e amante" im Finale des zweiten Aktes, mit der Ottone einer glücklichen Zukunft mit Adelaide entgegensieht, stellt Gritskova mit ihrem beweglichen Mezzo, der auch in den dramatischen Höhen punkten kann, heraus, dass man von dieser Sängerin in Zukunft noch einiges erwarten kann. Sadovnikova steht ihr als Adelaide mit einem warmen Sopran zur Seite und begeistert mit leuchtenden Koloraturen und großer Beweglichkeit.”
-Thomas Molke, http://www.omm.de


GIANNI SCHICCHI – TEATRO REGIO DI PARMA- GENNAIO 2014

“[…] Ekaterina Sadovnikova, una docile Lauretta che convince facilmente il suo “Babbino caro” cantando la propria aria con fanciullesca dolcezza.”
-Patrizia Monteverdi, www.operaclick.com, 12 gennaio 2014


“[…] brava, dolce e delicata Lauretta di Ekaterina Sadovnikova, che dopo “O mio babbino caro” strappa al pubblico il primo vero applauso della serata…”
-William Fratti, liricamente.it, 17/01/2014


FALSTAFF, LOS ANGELES OPERA-NOVEMBRE, DICEMBRE 2013

“However, it is the young lovers, Nannetta and Fenton, who in this scene ground the opera. The singers Sadovnikova and Juan Francisco Gatell formed the perfect partnership to bring home the poignancy of true love. With her nuanced soprano and golden curls, Sadovnikova was the embodiment of Nannetta.”
-Jane Rosenberg , Seen and Heard International, November 11, 2013


“Soprano Ekaterina Sadovnikova introduced a youthful Nannetta, giving a bejeweled performance as the Fairy Queen in the finale.”
-Robert Millard,  www.ocregister.com/

Soprano Ekaterina Sadovnikova made for a delightful Nanetta, the youthful love interest for the very handsome Fenton (Juan Francisco Gatell), and her Act III aria as the fairy queen was a pastoral highlight of the evening.”
-Marc Porter Zasada, www.huffingtonpost.com, 11/20/2013 


“Ekaterina Sadovnika, who sang Nannetta with a rapt purity of tone that made her woodland aria one of the high points of the production...”
-Opera News, February 2014


DON CARLO-TEATRO DEL MAGGIO MUSICALE FIORENTINO, MAGGIO 2013

“Ekaterina Sadovnikova (La voce dal cielo) ha cantato con un bel timbro e ottima intonazione.”
-Alberto Bartolomeo, gbopera.it, 18 maggio 2013


FALSTAFF-TEATRO ALLA SCALA DI MILANO, FEBBRAIO 2013

“Magnifici, senza meno, i due ragazzi: Antonio Poli e Ekaterina Sadovnikova cantano benissimo, sono belli, sanno recitare, e insomma questi Fenton e Nannetta li si ricorderà per un pezzo.”
-Elvio Giudici, Il Giorno, 5 febbraio 2013

“The charming young tenor Antonio Poli sang an endearing Fenton who was every bit worthy of Ekaterina Sadovnikova's delectable Nanetta.”
-Paul du Quenoy, MusicalAmerica.com, February 13, 2013


“Molto buona anche la Nannetta di Ekaterina Sadovnikova, dalla voce fresca e gentile, perfettamente adeguata a duettare con Poli (e anch’ella brilla nel III atto, con le strofe di «Sul fil d’un soffio etesio», pendant sopranile del sonetto di Fenton).”
-Michele Curnis, gbopera.it, 14 febbraio 2013

 

PUCCINI: IL TRITTICO,  THEATER AN DER WIEN, OTTOBRE 2012

Ekaterina Sadovnikova, die mit zart metallischem Sopran die Lauretta singt.


Ekaterina Sadovnikova sings Lauretta with a tender, silver soprano.
-Die Presse, 12.10.12


Begeistert feierte das Publikum alle unde besonders die Saenger…Ekaterina Sadovnika die bezaubernde Lauretta


All was enthusiastically celebrated by the public, especially the singers…Ekaterina Sagdovnika the enchanting Lauretta
-Kronen Zeitung Gesamt 12.10.12


Auch andere treten in mehreren Rooen auf, wie Ekaterina Sadovnikova, die als Lauretta den Hit des Anends miet “O mio Roberto Frontali und die tolle Patricia Racette schaffen das fabelhaft.
babbino caro,” singt.


Robert Frontali (Michele/Schicchi) and the great Patricia Racette (Giorgetta/Angelica) create [their roles] fabulously. This also happens in other roles, like the way Ekaterina Sadovnikova sings the hit of the evening “O mio babbino caro.”.
-Salzburger Nachrichten 12.10.12


 
CORSO D'OPERA
  A CORTONA
Raffaella Coletti

Entra

Enter