Martina Belli

RECITAL MARTINA BELLI, RASSEGNA PRIME DONNE-TEATRO PALLADIUM ROMA 19 MARZO 2018

“Se le Siete canciones populares españolas di Manuel De Falla hanno catturato il pubblico, che ha interrotto il ciclo con un fragoroso applauso dopo il quinto brano, complice anche una aderenza fra tessitura e colore vocale, oltre che una maggiore attenzione alla parola, sono state però le Cinco canciones negras di Xavier Montsalvatge il vero punto di forza della serata, soprattutto perché la rarità di esecuzione ne fa apprezzare maggiormente la scelta di inserirle in programma. Fra tutte spicca la dolcezza della Cancion de cuna , ritmicamente modernissima, che Martina Belli ha sussurrato dolcemente no a spegnersi, mentre una melodia muta seguitava a risuonare nella sala buia.

Il bis di Piazzolla inne ha aperto un ulteriore spiraglio sulle potenzialità dell’interprete: la modernità della scrittura sembra accordarsi a perfezione allo strumento vocale della “primadonna” che si slancia sulle linee – ardite – del compositore argentino con disinvoltura.”

Emiliano Metalli, Connessi all’Opera, 24 marzo 2018

 “Le Canciones Populares sono state pensatedal musicista gadinato per pianoforte e mezzosoprano e Martina Belli ha valorizzato le caratteristiche peculiari di ognuna di queste canzoni, in particolare la vigoria di Polo, un flamenco infuocato e fiero, ma soprattutto l’andamento mai banale della ninna nanna di Nana. Non a caso proprio quest’ultimo brano è stato bissato per lasciare al pubblico romano l’ultimo applauso ai due interpreti sul palco. Molto interessante, poi, è stata la performance in Asturiana, in cui il lamento ha colpito il pubblico senza mai annoiare.

[…] Martina Belli ha affrontato senza problemi la Seguidilla, mostrando una voce calda e sensuale che è stata apprezzata e scandita da uno degli applausi più lunghi e convinti.”

Simone Ricci, operaclick, 21 marzo 2018


MISERIA E NOBILTA’-TEATRO CARLO FELICE DI GENOVA-FEBBRAIO/MARZO 2018

“Figlia del ricco Gaetano, ballerina e promessa sposa del nobile Eugenio, nei panni di Gemma c’era Martina Belli, bella e duttile voce di mezzosoprano. Ben distintasi nei recitativi e nel canto di conversazione, si è ben comportata anche in virtù dell’ottima performance attoriale”

David Toschi, Operaclick ,27 febbraio 2018

“Martina Belli ricopre il ruolo di Gemma con una splendida presenza scenica e un bel timbro

di mezzosoprano dalla voce rotonda, brunita al punto giusto.”

Mauro Tortarolo, Connessi all’Opera, 1 marzo 2018

“Martina Belli che convince non solo per la voce ma per l'immedesimazione nella parte con fare di altri tempi”

Giulia Cassini, Il Secolo XIX, 24 febbraio 2018

“ L’aura qui émane de Martina Belli(Gemma) est quant à elle bien plus affirmée, soutenue par un beau timbre rond de mezzo-soprano.“

Charlotte Saulneron,Res Musica, 3 marzo 2018


TEATRO DELLE MUSE DI ANCONA -CARMEN- SETTEMBRE 2017

"Lei è Martina Belli, voce eccellente per equilibrio, gusto, uniformità, eleganza. Canta da musicista vera, modellando le frasi in arcate rotonde e flessibili, di gusto impeccabile, che rendono giustizia alla scrittura di Bizet."
- Gregorio Moppi, La Repubblica, 24 settembre 2017

“La Belli, al suo debutto assoluto nel ruolo, ha dimostrato di essersi calata in pieno nel personaggio, aiutata da una presenza scenica a dir poco ragguardevole, rivelando anche una perfetta padronanza del francese. Un mix di grande fascino ed eccellenti doti vocali.”
-Raimondo Montesi, Il Resto del Carlino, 24 settembre 2017

“[…]ottima protagonista della Carmen delle Muse, oltretutto, ovvero il Mezzosoprano Martina Belli, capace di un’interpretazione a tutto tondo in termini di eleganti accuratezze timbrico-espressive, pronta a far valere le ragioni di un’ineccepibile musicalità e di un’appagante linea di canto in virtú di un dominio uniforme dei diversi registri, dal grave all’acuto…”
-Fabio Brisighelli, Il Corriere Adriatico, 24 settembre 2017

Martina Belli non è stata solo capace di attuare un meccanismo di grande teatralità e lodevole bravura artistica, ma è riuscita a far cadere il pubblico stesso in una rete di vera e propria seduzione musicale, trascinando l’uditorio in quella che non è altro la sua filosofia libertaria d’amore, la quale culmina nell’ardita enunciazione dell’Habanera, in un canto sensuale ed erotica.”
-Gabriele Torcoletti, PW Magazine, 25 settembre 2017


ANNA BOLENA-TEATRO ALLA SCALA MILANO-MARZO/APRILE 2017

“Davvero buona la prova di Martina Belli (Smeton)”
-Enrico Girardi, Corriere della Sera


ANNA BOLENA-TEATRO REGIO DI PARMA-GENNAIO 2017

"Il trio femminile era poi completato da un ottimo Smeton: si chiama Martina Belli e non solo é brava ma pure bella. "
-Alberto Mattioli, lastampa.it ,13/01/2017

"Autre découverte, la jeune et belle Martina Belli dont le timbre profond et la voix longue et souple font un Smeton de premier ordre, avant qu’elle ne devienne vraisemblablement une rossinienne de plein droit."
-Maurice Salles, forumopera.com, 14/01/2017


LUISA MILLER-TEATRO SAN CARLO DI NAPOLI - MAGGIO 2015

“. The cast was completed by the accurately sung Federica of mezzo Martina Belli.”
-Lorenzo Fiorito, bachtrack.com, 13 May 2015


I PURITANI-OPERA DI FIRENZE-FEBBRAIO 2015

“Fra i ruoli secondari spiccava il timbro limpido di Martina Belli (Enrichetta di Francia)”
-Nicola Lischi, GBOPERA, 5 febbraio 2015

“Di buon rilievo vocale e scenico l''Enrichetta di Martina Belli
-Silvano Capecchi, opera click

L'AMOUR DES TROIS ORANGES-OPERA DI FIRENZE-GIUGNO 2014

“Il trio delle Melarance in abiti da vestali e con movenze da bambole meccaniche si fa apprezzare per l’avvenenza delle interpreti, la pastosità delle voci di mezzosoprano di Martina Belli (Linette) e Antoinette Dennefeld (Nicolette) e la freschezza del timbro di Diletta Rizzo Marin (Linette).”
 

ANNA BOLENA- REATE FESTIVAL 2013

" Molto bella la voce  di Martina Belli come paggio Smeton" .
-Mario Dal Bello, Città Nuova 03-10-2013

 


 
CORSO D'OPERA
  A CORTONA
Raffaella Coletti

Entra
Enter